• Arcobaleno

  • Trattore

  • il Grano a Bandita

  • Legnaia a Bandita

  • La nebbiolina di Bandita

  • Bandita con la neve

  • Bandita dall'alto

  • Bandita

Copyright 2017 - Pc Service S.r.l
TPL_ON
Ultima modifica: 05 Ottobre 2017
Creato: 05 Ottobre 2017

Installazione Cardio Defibrillatore Automatico

Sabato 16 settembre 2017, Bandita si e' attrezzata di un defibrillatore che e' stato installato presso il bar Ravera.
A tal proposito si ringraziano: Giovanni,Nicoletta, Roberto, il gruppo musicale Out of Time e quanti hanno partecipato all'acquisto del DAE in oggetto

   

TPL_ON
Ultima modifica: 05 Ottobre 2017
Creato: 09 Agosto 2017

Offerte Per L'Installazione di un Cardio Defibrillatore Automatico

Visto la distanza tra Bandita ed un eventuale punto di Primo Soccorso si è pensato di installare all'interno del bar, un cardio defibrillatore automatico,NEL MALAUGURATO MOMENTO IN CUI SE NE DEBBA AVER BISOGNO ai fini di iniziare un primo intervento di rianimazione nell'attesa dell'arrivo 🚑 dell' Ambulanza o 🚁 Elisoccorso

Punto raccolta presso il Bar Ravera ( PIPPO )
vi ringrazio in anticipo.... sperando possa mai servire

TPL_ON
Ultima modifica: 17 Luglio 2017
Creato: 17 Luglio 2017

PIANO  REGIONALE  DI  DIFESA  INTEGRATA

COMITATO DI CORDINAMENTO PER LA DIFESA FITOSANITARIA INTEGRATA DELLE COLTURE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA

Corso IV Novembre, 44 – 15100 ALESSANDRIA

Tel. 0131/52086

 

ZONA OPERATIVA DI ACQUI TERME

Bollettino di difesa guidata della vite

N° 10 del 11/07/2017

                                  OIDIO

Vista l'alta pressione della malattia, rilevati i sintomi in diversi areali del'acquese, e dato il periodo di altissime temperature e di correnti d'aria frequenti è necessario mantenere la copertura antioidica.

 

E' consigliato un trattamento con:

ZOLFO IN POLVERE alla dose di 25/30 kg/Ha.

 

E' anche possibile utilizzare:

ZOLFO BAGNABILE alla dose di etichetta

 

Fondamentale è l'attenzione all'orario del trattamento: per evitare bruciature indotte dall'esposizione dei grappoli trattati è bene lavorare nelle ore serali quando le temperature non sono eccessivamente elevate.

POTATURA VERDE

E' consigliabile eseguire una sfogliatura dei vigneti nelle parti meno esposte alla luce per far si che il trattamento raggiunga l'obbiettivo e abbia la massima efficacia.

E' bene ricordare però che un'eccessiva pulizia del verde può essere causa di ustioni ai grappoli.

Attenersi scrupolosamente alle indicazioni in etichetta, e per l’agro ambiente, alle limitazioni citate nel disciplinare delle norme tecniche che riguardano le singole sostanze attive e l’insieme delle stesse, specialmente rispettare la soglia massima di 6 kg Ha di rame metallo all’anno.    

 

SI RICORDA CHE DOPO UN TRATTAMENTO IN VIGNETO, PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE DEGLI OPERATORI, E’ NECESSARIO ATTENDERE ALMENO 48 ORE PRIMA DI SVOLGERE LE OPERAZIONI COLTURALI

 

Ufficio Condifesa ( bollettino telefonico ) : Tel. 0144 / 356582

Coldiretti : Tel. 0144 / 322546

Conf. Italiana Agricoltori : Tel. 0144 / /322272

Unione Prov.le Agricoltori : Tel. 0144 / 322243

TPL_ON
Ultima modifica: 04 Luglio 2017
Creato: 04 Luglio 2017

PIANO  REGIONALE  DI  DIFESA  INTEGRATA

COMITATO DI CORDINAMENTO PER LA DIFESA FITOSANITARIA INTEGRATA DELLE COLTURE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA

Corso IV Novembre, 44 – 15100 ALESSANDRIA Tel. 0131/52086

ZONA OPERATIVA DI ACQUI TERME

Bollettino di difesa guidata della vite

N° 09 del 03/07/2017

PERONOSPORA

Date le piogge della scorsa settimana e l'abbassamento termico registrato, specialmente nelle ore notturne si sono valutate condizioni favorevoli allo sviluppo della malattia.

E' perciò necessario intervenire sulla vegetazione con prodotti a base di

Rame Metallo.

Se si vuole maggior protezione è bene addizionare:

Cimoxanil o Dimetomorf

                              

OIDIO

E' bene aggiungere al trattamento antiperonosporico anche

Zolfo Bagnabile

mantenendo la copertura Antioidica, dato che il fungo si è già presentato in diversi areali e con condizioni climatiche favorevoli (venti costanti con alte temperature specialmente nelle ore più calde).

Dato ciò se si vuole avere una copertura migliore è consigliato aggiungere prodotti di diverso meccanismo d'azione con più lunga persistenza

 

FLAVESCENZA

Facendo riferimento al Bollettino N°8 del 27/06/2017 si ricorda che

entro il 05/07/17 va eseguito il primo trattamento obbligatorio

contro il vettore della

Flavescenza Dorata utilizzando:

 Etofenprox oppure Clorpirifos Etile

 

IN QUESTA STAGIONE E' NECESSARIO PRESTARE ATTENZIONE AL TRATTAMENTO: OPERARE SEMPRE NELLE ORE MENO CALDE PER EVITARE DANNI INDIRETTI ALLA VEGETAZIONE.

Attenersi scrupolosamente alle indicazioni in etichetta, e per l’agro ambiente, alle limitazioni citate nel disciplinare delle norme tecniche che riguardano le singole sostanze attive e l’insieme delle stesse, specialmente rispettare la soglia massima di 6 kg Ha di rame metallo all’anno.     

SI RICORDA CHE DOPO UN TRATTAMENTO IN VIGNETO, PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE DEGLI OPERATORI, E’ NECESSARIO ATTENDERE ALMENO 48 ORE PRIMA DI SVOLGERE LE OPERAZIONI COLTURALI

Ufficio Condifesa ( bollettino telefonico ) : Tel. 0144 / 356582

Coldiretti : Tel. 0144 / 322546

Conf. Italiana Agricoltori : Tel. 0144 / /322272

Unione Prov.le Agricoltori : Tel. 0144 / 322243

TPL_ON
Ultima modifica: 04 Luglio 2017
Creato: 30 Giugno 2017

FLAVESCENZA DORATA
DIFESA INTEGRATA DELLA VITE
Applicazione Regolamento CE 1305/2013
COMITATO DI COORDINAMENTO FITOSANITARIO
Corso IV novembre, 44 – 15100 Alessandria - Tel. 0131 52086
ZONA OPERATIVA di ACQUI TERME.
Bollettino della vite n°8 del 27/06/2017


TRATTAMENTO INSETTICIDA OBBLIGATORIO dal 28 Giugno al 5 Luglio 2017

contro il vettore della malattia Scaphoideus titanus


Primo trattamento insetticida STRATEGIA CONSIGLIATA
Etofenprox oppure Clorpirifos Etile (preferibilmente in formulazione a granuli idrodispersibili)
DOPO AVER TRATTATO CON L’INSETTICIDA E TRASCORSO IL TEMPO DI RIENTRO (ALMENO 48 ORE) ESTIRPARE LE PIANTE MALATE ED ELIMINARE I TRALCI CON SINTOMI: QUESTO SERVE PER TOGLIERE LA FONTE DI FITOPLASMA CHE RENDE INFETTIVO L’INSETTO VETTORE (SCAFOIDEO).

Salvaguardia degli insetti pronubi
(Legge regionale 3/8/98, n. 20)
•Divieto trattamenti insetticidi in fioritura.
•Sfalcio e appassimento/asportazione della vegetazione sottostante nel caso dii presenza di fioriture spontanee prima di eseguire i trattamenti insetticidi.
•Evitare fenomeni di deriva (non trattare in presenza di vento)

 ACCORGIMENTI
 Controllare il pH della soluzione in modo che sia inferiore a 7.
 Impiegare volumi di acqua e pressioni di distribuzione in grado di bagnare bene tutta la vegetazione;
 Trattare tutti i filari da entrambi i lati.
 Cercare di far arrivare la soluzione sulla pagina inferiore delle foglie, comprese quelle dei polloni.
 Evitare presenza di polloni o erbe infestanti troppo sviluppate alla base dei ceppi.


Si raccomanda di prestare particolare attenzione alla distribuzione utilizzando alti volumi di acqua, rispettando le dosi ad ettaro consigliate, acidificando la soluzione ed irrorando entrambe le parti del filare.
I trattamenti nelle ore serali sono da preferirsi.

Guarda l'allegato

f t g m

 

offerto a titolo gratuito da: 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information